Utilizzando questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Accetto

Federconsumatori è un'associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivi prioritari l'informazione e l'autotutela dei consumatori ed utenti ed è iscritta nel Registro Regionale delle Associazioni dei Consumatori (L.R. 23/10/2009, n. 27).

QUESTIONARIO QUALITA' DEI NOSTRI SERVIZI 

Federconsumatori Veneto opera con un sistema di gestione qualità conforme alle norme ISO 9001/UNI EN ISO 9001:2015 - N. IT 10/0640

Per segnalazioni, informazioni o consulenze CONTATTACI scrivendo a segnalazioni@federconsveneto.it e i nostri esperti ti risponderanno quanto prima

Per ricevere la nostra newsletter inserisci il tuo indirizzo email nello spazio sottostante e clicca su Iscriviti. Riceverai una mail di conferma per l'iscrizione; segui le indicazioni in essa contenute per completare il processo.

Per sospendere l'invio dei messaggi spuntare qui

Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d.lgs. 196/2003)

CGIL, Auser, Spi, Società di Mutuo Soccorso tra Carpentieri e Calafati, ARCI Treviso, SILP per la CGIL, CIA Venezia, CIA Treviso, ANSE di Bassano del Grappa, FITeL Veneto

Gli iscritti convenzionati hanno diritto allo sconto sulla quota annuale d'iscrizione

Collabora con noi: diventa volontario di Federconsumatori

Cerchiamo persone interessate a svolgere attività di sostegno, formazione, informazione e tutela dei cittadini nella loro qualità di consumatori, risparmiatori e utenti.
Se vuoi proporti come volontario, rivolgiti alla nostra sede più vicina (per conoscerla clicca qui).


Consumi: in calo il potere d'acquisto delle famiglie

I dati Istat confermano la drammatica situazione del potere di acquisto delle famiglie, già duramente colpite da una crisi profonda che va avanti dal 2008. Ermes Coletto, presidente Federconsumatori Veneto, definisce la "manovra finanziaria iniqua e sbagliata tale da produrre un ulteriore forte calo del potere di acquisto ed un aumento esponenziale delle difficoltà delle famiglie, costrette a fare i conti con gli incessanti aumenti di prezzi e tariffe, dai pedaggi alla benzina oltre all'incremento di imposta. Di conseguenza aumenta l'inflazione e le famiglie si trovano con il portafogli vuoto.” "Negli ultimi anni “ prosegue Coletto “il tasso di inflazione è salito dallo 0,8% all’1,5 del 2010 e oggi si attesta intorno al 3% ;le tariffe dei servizi pubblici locali e delle utenze domestiche negli ultimi quattro anni sono aumentate del 6%, mentre i redditi sono calati. Il potere d'acquisto reale degli italiani si è ridotto del 5%. Con l’aumento dell'Iva, inoltre, si abbattono ulteriormente i consumi e, secondo le nostre stime, il calo dovrebbe attestarsi sul 2-3%. E’ necessario che il Governo intervenga a sostegno dei consumatori e delle famiglie, non bastano più le parole, occorrono i fatti; per rilanciare l'economia e quindi aumentare la capacità di acquisto delle famiglie a reddito fisso sono necessari interventi su patrimoni, rendite finanziarie ed evasione fiscale assieme a politiche di rilancio dell’economia”.